Home Incentivi Auto e autocarri elettrici: guida agli incentivi regionali

Auto e autocarri elettrici: guida agli incentivi regionali

1
CONDIVIDI

Ci sono anche gli incentivi regionali per chi compra auto ‘pulite”. Incentivi che si affiancano agli sconti statali , per elettriche e ibride plug-in, in vigore da marzo. Ecco una prima panoramica, tratta dai siti ufficiali. Segnalateci qui altri incentivi.

— Regione Lombardia

Il dettaglio del bando è consultabile è consultabile cliccando qui. È previsto un contributo regionale per micro, piccole e medie imprese con sede operativa in Lombardia per l’acquisto di un veicolo commerciale elettrico. Le risorse complessivamente stanziate da Regione Lombardia per l’iniziativa ammontano a € 6.500.000. L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto proporzionale alla massa/peso del veicolo. E limitatamente alla gamma di veicoli N1 e N2 (gli N3 -sopra le 12t- sono esclusi), secondo questa tabella:

Tipo di veicolo 1-1,49 t 1,5-2,49 t 2,50-3,49 t 3,5-7 t >7<=12 t
Elettrico Puro € 6000 € 7000 € 8000 € 9000 € 10.000
Ibrido (Full Hybrid o Hybrid Plug In) € 4000 € 5000 € 6000 € 7000 € 8000
Metano (mono e bifuel) € 4000 € 5000 € 6000 € 7000 € 8000
GPL (mono e bifuel) € 4000 € 5000 € 6000 € 7000 € 8000

— Regione Emilia Romagna

Il dettaglio del bando è consultabile cliccando qui. Prevede contributi fino a 3.000 euro per i cittadini che acquistano un’auto elettrica, ibrida, a metano o gpl .L’entità del contributo dipende della tipologia dell’ autovettura che si intende acquistare

Contributo regionale (euro)
Categoria veicolo Ibrido (elettrico-benzina) Euro 6
Elettrico
Metano (mono e bifuel benzina) Euro 6
GPL (mono e bifuel benzina) Euro 6
M1 € 3.000 € 2.000

Contributi fino a 10.000 € per l’acquisto di veicoli commerciali a metano, gpl,  ibridi o elettriche da parte delle AZIENDE. L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto concesso in regime de minimis. Collegato alla massa del veicolo (categoria N1 o N2) e al sistema di alimentazione del veicolo acquistato:

Categoria Massa t Elettrico (Ibrido elettrico) – benzina* (Full hybrid o Hybrid Plug In) Metano (mono e bifuel benzina) Euro 6
GPL (mono e bifuel benzina) Euro 6
N1 1-1,4 6.000 €   4.000 €
1,5-2,49 7.000 €    4.500 €
2,5-2,99 7.500 €    5.000 €
3-3,5 8.000 €    6.000 €
N2 > 3,5–≤ 7 9.000 €    7.000 €
> 7- ≤12 10.000 €  8.000 €

 

— Regione Piemonte

Il dettaglio del bando con incentivi regionali  è disponibile cliccando qui. L’intervento è finalizzato a supportare le micro, piccole e medie imprese con sede operativa in Piemonte per l’acquisto di veicoli commerciali elettrici. L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto proporzionale alla massa e all’alimentazione del veicolo. Ma  limitatamente alla gamma di veicoli N1 e N2 secondo la tabella seguente:

Tipo di veicolo 1-<1,5 t 1,5-2,5 t >2,5->4 t 4-7 t >7-<12 t
Elettrico puro

€ 6.000 

€ 7.000  € 8.000 € 9.000 € 10.000
Ibrido, Metano; GPL € 4.000

 

€ 5.000

 

€ 6.000

 

€ 7.000

 

€ 8.000

 

Conversione veicoli in veicoli Bifuel € 1.000

 

€ 1.000

 

€ 1.000

 

€ 1.000

 

€ 1.000

 

Conversione veicoli in veicoli Metano esclusivo, GPL esclusivo, GNL esclusivo € 3.000

 

€ 3.000

 

€ 3.000

 

€ 3.000

 

€ 3.000

 

 

— Regione Veneto

Il dettaglio del bando con gli incentivi regionali è disponibile cliccando quiL’intervento è finalizzato a supportare le micro, piccole e medie imprese con sede operativa in Veneto per l’acquisto di un veicolo commerciale elettrico. L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto proporzionale alla massa del veicolo e limitatamente alla categoria di veicoli N1 ed N2 (gli N3 -sopra le 12t- sono esclusi) secondo la tabella seguente.

N1 N2
1-1,49 t 1,5-2,49 t 2,5-3,49 t 3,5-7 t >7 < 12 t
Elettrico Puro € 6.000 € 7.000 € 7.500 € 8.000 € 10.000
Ibrido, Metano € 4.000 € 4.500 € 5.000 € 7.000 € 8.000
GPL € 3.000 € 3.500 € 4.000 € 5.500 € 7.000

 

— Regione Sardegna

Il dettaglio del bando con incentivi regionali è disponibile cliccando qui. È finalizzato a supportare  l’acquisto di veicoli elettrici da parte delle imprese che operano in alcuni settori. Ovvero: trasporto dell’”ultimo miglio”, servizio taxi, car sharing, trasporto collettivo di persone e traporto per finalità turistiche. L’intervento consiste nella sostituzione di un veicolo a motore di proprietà dell’impresa richiedente con un veicolo elettrico (full electric), nuovo di fabbrica. Ma della stessa tipologia di quello dismesso e giustificato dalla specifica attività svolta. Il valore della proposta deve comportare una spesa minima pari a € 15.000, iva esclusa.

Tipologia di veicolo elettrico Intensità massima dell’aiuto ESL Spesa massima ammissibile (imponibile) Importo massimo contributo concedibile
Autovettura 75% del costo sostenuto per l’acquisto del veicolo elettrico (iva esclusa) € 20.000 Fino a € 15.000
Furgone € 26.666,67 Fino a € 20.000
Pullmino € 33.333,34 Fino a € 25.000

 

— Regione Lazio

È prevista solo l’esenzione dal bollo per i primi cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione (qui il dettaglio della norma).

— Regione Toscana

Anche qui è prevista l’esenzione dal bollo per i primi cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione (qui il dettaglio).

— Provincia di Trento

Il dettaglio è disponibile cliccando qui. Prevede incentivi per le persone fisiche, enti privati ed imprese agricole per l’acquisto di veicoli elettrici, ibridi e di sistemi di ricarica.

I contributi sono così determinati:

  • euro 4.000,00 per l’acquisto di autoveicoli elettrici;
  • euro 2.000,00 per l’acquisto di autoveicoli ibridi plug-in;
  • euro 1.500,00 per l’acquisto di motoveicoli elettrici. Il contributo non può comunque essere superiore al 50% della spesa ammissibile;
  • il 60% della spesa ammissibile per le colonnine di ricarica.

Provincia Autonoma di Bolzano

Il dettaglio del provvedimento è disponibile cliccando qui. Prevede la riduzione di 4.000 euro sul prezzo d’acquisto di un’auto elettrica pura, 2.000 € all’acquisto di un’ibrida plug-in. Una metà è un contributo della Provincia, l’altra metà è uno sconto del produttore (da maggio).

1 COMMENTO

Comments are closed.