Home Auto Auto dell’Anno ancora elettrica? Tre candidate su sette…

Auto dell’Anno ancora elettrica? Tre candidate su sette…

14
CONDIVIDI
La Fit 500 elettrica e la Volkswagen ID.3 tra le 7 candidate al premio Auto dell'Anno 2021.

Auto dell’Anno ancora elettrica? È stata pubblicata la short-list delle sette candidate alla vittoria finale: tre su sette sono elettriche…

Auto dell’Anno: voi chi votereste tra queste sette?

Due di questi modelli sono disponibili solo con motore a batterie. Sono la Nuova Fiat 500, la Volkswagen ID.3. Un altro, la Citroen C4, offre diverse motorizzazioni, tra cui appunto quella elettrica. E poi c’è la Cupra Formentor, che tra i diversi propulsori offre anche l’opzione dell’ibrido plug-in. Le altre pretendenti al titolo, che viene assegnato ai primi di marzo, sono la Skoda Octavia, la Toyota Yaris e la Land Rover Defender.

auto dell'anno
Anche la Citroen C4, una delle sette candidate all’Auto dell’Anno, è disponibile in versione elettrica.

Il pronostico sul voto dei 60 giurati, tutti giornalisti di 23 Paesi europei, vede nettamente in testa le candidate elettriche, in particolare la Volkswagen ID.3, seguita dal Cinquino. Ma nelle edizioni passate non sono mancate le sorprese ed è meglio attendere un paio di mesi con i risultati ufficiali. Dovesse vincere un’elettrica, sarebbe la seconda volta per un’auto a batterie. La prima fu la Jaguar I-Pace nel 2019, che prevalse per un soffio sulla Alpine A110.

La Volkswagen ID.3 è la favorita, ma la Nuova 500…

auto dell'anno

Quale votereste tra le “auto con la spina”? La Volkswagen con la ID.3 sta già facendo numeri importanti: già a novembre è stata l’auto elettrica più venduta in Europa, con oltre 10 mila immatricolazioni. Numeri che sono stati superati alla grande in dicembre: nella sola Germania ne sono state vendute 9 mila, in Olanda 6.029, nel Regno Unito 3.188, in Norvegia 2.300…in Italia solo 449. Quanto alla Nuova 500, il mese scorso ha conquistato la leadership in Italia con 1.549 immatricolazioni, ma ancora non si conoscono le performance sui principali mercati europei. Qualche premio il Cinquino elettrico l’ha già vinto in questi primi mesi di vita. Come il Key Awards per gli spot con Leonardo di Caprio e il Best Design 2020 della rivista tedesca Auto Motor und Sport. Ma è chiaro che il Car of the Year, o Auto dell’Anno che dir si voglia, è tutta un’altra cosa.

—————————————————————————————————-

vincenzo— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

 

Apri commenti

14 COMMENTI

  1. In realtà secondo me l’auto che meritava il titolo quest’anno era la Toyota Mirai. I giapponesi hanno dimostrato, con testardaggine e impegno, che costruire un auto ad idrogeno che sia pratica, bella (sono gusti, ma secondo me è gradevole) e sicura è possibile già oggi. Ci vorrebbero più costruttori così, che si impuntano e non mollano fino a quando i risultati non gli danno ragiome; ma questo è tipico della cultura giapponese.
    Ad ogni modo, visto che la Mirai non ha ottenuto le dovute riconoscenze, premierei la 500e. Un’auto che in decenni di storia ha sempre saputo reinventarsi mantenendo lo stesso stile e muovendo migliaia di persone, in Italia ed altrove, diventando una sorta di istant classic ancor prima di entrare in produzione.

    • Abbiamo spiegato che no, l’idrogeno al momento non è un’alternativa. Per ragioni di resa energetica e di totale mancanza di infrastrutture per rifornire. Guardiamo la realtà: di auto a idrogeno in Italia nel 2020 se ne sono vendute due (Toyota Mirai), non risultano Hyundai Nexo immatricolate. Di elettriche oltre 32 mila, numero destinato più che a raddoppiare quest’anno (fonte: Unrae http://www.unrae.it/dati-statistici/immatricolazioni/5251/top-10-per-alimentazione-dicembre-2020).

      • Ma nessuno sta dicendo che è un’alternativa, io sto dicendo che Toyota ha dimostrato che l’auto ad idrogeno può esistere già oggi senza problemi. I problemi dell’idrogeno non sono dovuti alla macchina, ma alla totale mancanza di infrastrutture. Oltretutto dato che il premio va alla “migliore AUTO”, questo non dovrebbe giocare a sfavore dell’assegnazione.

    • Voto 500 E.
      L’idrogeno, oggi e domani, rappresenta una chimera.
      Dopodomani non so dire.
      I costi di produzione, le difficoltà di distribuzione, il prezzo finale al distributore, lo rendono IMPRATICABILE.
      Pensiamo solo ad una autocisterna piena di idrogeno a 750 atm di pressione, che cammina su strada…………una bomba ad idrogeno!

  2. L’unica macchina elettrica che mi piace non c’è in elenco 😂, quelle in elenco ( elettriche) sono tutte lavatrici, e brutte esteticamente.

  3. No assolutamente ho id3 First per ora è solo un prototipo. È da 40 giorni in assistenza come altre numerose id3. Dalla Germania non capiscono dove sia il problema. Non parliamo della concessionaria Dorigoni di Trento incapace di vendere e di fare assistenza a macchine elettriche. Acquistate e premiate come auto dell anno altre auto ma non questa.

  4. Se il premio va all’auto più bella, voterei 500. È quella che mi sembra meno brutta tra le elettriche. Se il voto di auto dell’anno va ad un complesso di auto+produttore alle spalle più non so cosa altro voterei id3, che però esteticamente non mi piace affatto. Dopo le mie ultime esperienze non acquisterò mai più una Fiat e la sconsiglio a chiunque mi chiede un parere

  5. Non premieranno un’auto.
    Premieranno un modo d’essere, uno stile di vita, un’amicizia.
    Premieranno la gioia, la levità, l’empatia, la personalità e lo stile.
    Qualità che non si trovano in un’auto, ma nella 500, accompagnata da Nino Rota e guidata da Leo DiCaprio.
    La 500 ammicca fa l’occhiolino e scalda il cuore.
    Le altre sono solo semplici auto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome