Home Auto Assistenza stradale e demolizione per auto elettriche come si fa?

Assistenza stradale e demolizione per auto elettriche come si fa?

1
CONDIVIDI
si gestisce l'auto

Assistenza stradale ai veicoli elettrici, come fare? Come si demoliscono? Il quadro normativo è poco chiaro, ma c’è chi si mette avanti. La storia della Pomili Demolizioni Speciali a Roma.

abbigliamento dedicato
Per l’assistenza stradale alle auto elettriche serve abbigliamento dedicato

Sono ancora in attesa del primo cliente, ma la ditta di Luca Pomili, ingegnere romano di 29 anni, è pronta ad assistere ed accogliere veicoli elettrici ed ibridi. La campagna promozionale è iniziata sui social e con una pagina aziendale dove scrivono: “Pomili Demolizioni Speciali srl è il 1° impianto di demolizione veicoli con qualifica AVEI (Autodemolitore per Veicoli Elettrici o Ibridi) in regione Lazio e area metropolitana di Roma Capitale” . I Pomili, un’azienda familiare, sottolineano l’innovazione: “Insieme agli amici dell’Autodemolizione Livornese siamo i primi in Italia a poter vantare questa qualifica“.

Assistenza stradale e un’area dedicata 

l'area dedicata ai veicoli elettrici
Nell’impianto l’area dedicata ai veicoli elettrici

Cos’ hanno fatto in concreto? Ci spiega il titolare: “Abbiamo predisposto e dedicato una parte dell’impianto, già testato, per i veicoli elettrici a fine vita. In questo modo è possibile gestire e trattare il rischio elettrico”. Ci sono tutti gli strumenti necessari, gli operatori devono indossare, per esempio, dei guantoni che arrivano fino alla spalla.

I corsi per assistenza stradale e demolizione

Una simulazione nel corso di formazione
Uno dei momenti del corso di formazione

 

Un altro requisito essenziale è la frequenza dei corsi di formazione: “Io come responsabile e  gli operatori  hanno conseguito l’attestato di specificità per la corretta gestione del fine vita dei veicoli di ultima generazione”. L’intervento formativo è stato organizzato insieme alla società Qnomos – Qualità d’Aziendadirettamente nella nostra sede di  Monterotondo”. Una formazione divisa in due fasi: “Sia teoria, sia la pratica con la simulazione di messa in sicurezza di un veicolo elettrico e uno ibrido”.

La demolizione in due fasi

massima attenzione alla tensionePer capire meglio, la demolizione si articola in due fasi: “Si inizia con la messa in sicurezza dove si rimuovono tutti i componenti pericolosi – spiega l’ingegner Pomilisegue la fase di smontaggio con il recupero dei ricambi destinanti al riutilizzo e alla demolizione”. La differenza sostanziale con le auto a combustione è il trattamento della batteria dove “si corre il rischio folgorazione, poi la demolizione e lo smontaggio è simile. Una differenza è che le elettriche hanno più plastica”.

Assistenza stradale con l’auto in tensione

Una fase del corso
Una simulazione durante il corso di formazione

Per gli operatori che si vogliono mettere in regola? “Noi abbiamo fatto seguire due corsi: il PES per persone esperte che possono intervenire anche in un veicolo in tensione poi il PAV per operatori che possono intervenire quando il veicolo non è più in tensione”. L’ingegnere dice: “Non c’è ancora una norma, ma l’azienda deve assicurare la sicurezza dei suoi operatori”. In altri termini la responsabilità è  in ogni dell’azienda che deve formare i suoi dipendenti.

Le batterie? Un sistema da organizzare

Come funziona per le batterie? “Il mondo di fine vita deve essere ancora organizzato, noi ci occupiamo dello stoccaggio. Poi ci sono gli impianti di recupero e smaltimento che si occupano delle batterie tradizionali. Uno con cui collaboriamo e  iscritto al consorzio nazionale”. Questo il punto più delicato, ma l’ingegner Pomili è ottimista che si riesca a gestire anche questo problema ambientale. “Al momento con il noleggio il problema viene gestito dalle case costruttrici“.

LEGGI ANCHE: Il prezzo del litio scende. Le batterie quindi…

 

1 COMMENTO

  1. Un plauso a questa iniziativa! Questo tipo di informazione dovrebbe poter arrivare ad un numero maggior di utenti, che in caso di necessità sappiano dove rivolgersi.
    Nel mio piccolo ho raccolto informazioni utili riguardanti i veicoli elettrici incidentati: https:///www.axu.it/sos

Comments are closed.