Home Sharing Arriva LeasysGO!, lo sharing con la 500 elettrica

Arriva LeasysGO!, lo sharing con la 500 elettrica

0
CONDIVIDI

Arriva LeasysGO!, lo sharing che metterà a disposizione degli abbonati una flotta di sole 500 elettriche. Arriverà a contare oltre 2.000 auto già nel 2021.

Arriva LeasysGO!, sarà a Torino, Milano e Roma

La Fiat lancia la sfida alla Renault, che al momento è largamente leader nello sharing elettrico con la Zoe, già in servizio in diverse città italiane. In una prima fase LeasyGO! sarà disponibile (fino a dicembre 2020) solo per i dipendenti del Gruppo FCA di Torino. Per poi essere aperto al pubblico nel 2021, oltre che nel capoluogo piemontese, anche a Milano, RomaBarcellona e Lione. Verrà data la possibilità di acquistare il voucher d’iscrizione su Amazon, da convertire sulla piattaforma digitale LeasysGO! (qui altre info).

Si potrà prenotare pagando una tariffa mensile comprensiva di 2 ore di mobilità. Esaurite le 2 ore di sharing, il costo del servizio passerà in modalità pay-per-use,al costo di pochi centesimi al minuto“. La ricarica elettrica dei veicoli sarà ovviamente compresa nel prezzo e gestita dal team di LeasysGO!.

Dovrebbe utilizzare la versione Action adattata

Tutto lascia pensare che le vetture in uso saranno della versione Action, con autonomia limitata a 180 km.  Nella presentazione della Action, infatti,  la Fiat ha usato queste parole: “La citycar elettrica ideale, rivolta a chi vive appieno la vita in città, centri storici e ZTL ZTL, a chi percorre mediamente 50 km al giorno…Perfetta per i millennial appassionati di mobilità alternativa come il car sharing.

arriva LeasysGOPer il lancio del progetto, curato da FCA Bank e Leasys,  è stata fondamentale la collaborazione del team e-Mobility di FCA, guidato da Roberto Di Stefano. Nella Nuova 500 è stata introdotta una serie di funzionalità specifiche, per renderla più agevolmente condivisa. Inoltre, grazie al team e-Mobility di FCA, è stato possibile lanciare il servizio già ora per il test sul campo con i dipendenti FCA di Torino. È chiaro che l’iniziativa avrà anche un valore promozionale, per far salire il maggior numero possibile di persone nell’impiego reale in città. Sperando che qualcuno se ne innamori.