Home Auto Arriva Leap, la Panda elettrica cinese

Arriva Leap, la Panda elettrica cinese

7
CONDIVIDI
La Leap T03: ricorda un pò la Panda e un po' la Renault Twingo.

Arriva Leap, la Panda elettrica cinese (è molto simile alla piccola Fiat). La produce la LeapMotor col nome T03 e dovrebbe avere un prezzo di 20 mila euro.

arriva la LeapArriva Leap, dovrebbe costare 20 mila euro

L’avanzata cinese prosegue, sottotraccia e passo dopo passo, ma implacabile. Ora è la volta di LeapMotor, un altro marchio sconosciuto in Europa, che avvia il suo sbarco nel vecchio continente partendo dalla Francia. È stato infatti siglato un accordo di importazione con una società di Tolosa, la EVE (Electric Vehicle Space), che già distribuisce Seres e DFSK. Cin un ruolo identico a quello che svolge sul mercato italiano la Koelliker. EVE, secondo quanto riferisce il sito Automobile Propre,  intende implementare una rete di 50 punti vendita e post-vendita entro fine anno, per poi raddoppiare nel 2023. La T03 è una citycar lunga 362 cm., ovvero 3 cm. in meno della Panda. Ha un motore da 80 kW e una batteria tutt’altro che modesta, da 41,3 kWh. La sua autonomia nel ciclo WLTP, però, non va oltre i 280 km (la 500e, con 42 kWh, arriva a 320).

arriva la leap

arriva la Leap
L’interno della Leap T03, piuttosto spartano.

Dopo la citycar arriverà anche il C11, un Suv?

Non bisogna pensare che, essendo prodotta in Cina da una sconosciuta marca locale, la T03 sia un prodotto basico e povero di dotazioni. In patria viene proposta con cruise control adattivo, assistenza al mantenimento della corsia e parcheggio semiautomatico. Più, all’interno, schermo da 8 pollici per la strumentazione, schermo da 10 pollici al centro con virtual assistence e telecamera di sorveglianza del conducente. La T03 non è comunque l’unico modello della gamma Leap. Dopo la citycar, ci si aspetta che arrivi in Europa anche il C11, un Suv lungo 475 cm, disponibile a 2 o 4 ruote motrici (200 o 400 kW!) e dotato di batteria da 78,5 o 89 kWh. Con un’autonomia rispettivamente di 510 a 610 km, dato calcolato però con il ciclo di omologazione cinese CTLC, piuttosto generoso: con il nostro WLTP, si può parlare di poco più di 400 e 500 km.

arriva la leap—  Leggi anche:  ecco la Shenlan 03: clone cinese della Tesla Model 3   

Apri commenti

7 COMMENTI

  1. I prezzi in Cina variano da 10.760 a 11.978, con l’iva europea il listino oscillerebbe tra 11.978 e 14.374 euro. Ma siccome in mezzo c’è il piazzista, la burocrazia, il trasporto, etc allora i prezzi raddoppiano. Comunque è un gran passo avanti rispetto alla Dacia Spring che, oltre a costare di più, ha un’autonomia di appena 230 km. Le auto cinesi sono l’ultima speranza contro il caro-auto.

    • -Ma siccome in mezzo c’è il piazzista, la burocrazia, il trasporto, etc allora i prezzi raddoppiano.-

      Cominciassimo a farcele qui da noi, e magari a fare un quadro legislativo per incentivare una certa fascia di mercato…

      Chessò: quantomeno per X anni a livello comunitario IVA ridottissima o assente per le vetture diciamo “piccole”, di base con una scheda tecnica tale da renderle adatte all’uso urbano/periurbano/pendolare/portabimbiascuola/portanonniafarlaspesa/eccetera…

      Vetture eh? non quadricicli. piaccia o no, anche fossero solo 500 metri, ma devono poter entrare in autostrada.

      Invece niente, la transizione all’elettrico si fa a botte di megasuv da 50k euro a salire.
      Le vetture notoriamente più utili per girare in città nel traffico. (https://www.vaielettrico.it/transizione-elettrica-intelligente-non-contano-quante-auto-ma-quali/)

      A me l’auto elettrica incuriosisce tantissimo come oggetto tecnico e come unica e ovvia risposta al fatto che, sul medio periodo, poichè finirà la “pacchia” del petrolio o così o a piedi.
      Ma se fossi uno che guarda alla mobilità elettrica con occhi “ecologici” sarei inc@77@to come una bestia nel veder la piega che stanno prendendo gli eventi.
      Perchè fatta così, è un’idea geniale che si trasforma in una fregatura colossale.
      Vedremo la R5… Torno a ripetere: quella sarà la cartina tornasole di un sacco di cose.
      Se quando esce costa più di 25k per parte mia possiamo aspettarci che il progetto “auto elettrica” sia destinato a fallire o quantomeno ad essere pesantemente ridimensionato.
      E le elezioni di domenica, per le quali non gioisco affatto, dovrebbero suonare come una sveglia.

      Ma vediamo se la Leappa arriva anche da noi e a che prezzo… Per adesso il sito francese di Electric Vehicle Space è piuttosto avaro di informazioni.

      • A proposito di burocrazia (in questo caso sensata), come è messa la Leap(pa) in materia di crash test ? Perché se, oltre a far arrabbiare i marchi nostrani per la scopiazzatura stilistica, facesse brutta figura nei test Euro Ncap, partirebbe maluccio..

      • Un discorso serio.

        Se avessero iniziato la transazione sull’utilità a breve e sostenibile, a basso costo, sarebbe stata la miglior rivoluzione.

        Invece si continuano fare e produtto macchina con pesi di camion tipo HUMMER ELETTRICO da 4200kg per 350 km di autonomia ( che poi saranno minori ) per appaggare il palato dei ricconi.

  2. /// ricorda un pò la Panda e un po’ la Renault Twingo \\\ Piú che la Twingo direi la Smartfor4… A parte questo, notevole la taglia della batteria, che purtroppo non porta a risultati eccezionali nell’autonomia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome