Home Turismo elettrico AQA: il noleggio di barche elettriche a Venezia

AQA: il noleggio di barche elettriche a Venezia

1
CONDIVIDI
Aqa
Andrea Degli Angeli e Alberto Toffolo

Con AQA si navigherà e si noleggerà in elettrico a Venezia. Si tratta di una nuova impresa che punta sulle emissioni zero. Può contare sull’esperienza del cantiere Toffolo, 110 anni di storia, con Alberto che insieme al socio Andrea Degli Angeli, architetto veneziano con lavoro a Londra nello studio Foster+Partners, ha fondato l’impresa.

Due obiettivi: vendere e noleggiare ai turisti le barche elettriche

venezia barche elettriche
Andrea Degli Angeli
Barche elettriche Venezia
Alberto Toffolo

Sono due gli obiettivi degli imprenditori di AQA: il primo è una piattaforma online dove poter noleggiare barche elettriche per scoprire con una esperienza silenziosa e a emissioni locali zero il fascino di Venezia. Il secondo è vendere le barche elettriche di due produttori europei: Rand Boats e Alfastreet Marine. Alberto e Andrea raccontano a Vaielettrico.it  l’iniziativa: “Doveva partire l’anno scorso, ma per via dell’emergenza sanitaria l’abbiamo rimandata.  Si tratta di due rami di business legati dalla propulsione elettrica”. Sul ramo vendita  è iniziata la collaborazione con Rand Boat (leggi qui), il cantiere danese che ha sfornato diversi modelli full electric. A cui si aggiunge  la collaborazione con il cantiere sloveno Alfastreet che sta riscuotendo molto successo in paesi come Austria e Francia.

A Venezia serve una scossa elettrica: “Traffico caotico e obsoleto”

I due imprenditori _ Andrea è laureato in architettura sostenibile _ partono da Venezia: “La città è di fronte ad una crisi senza precedenti, la pandemia ci ha dato anche la possibilità di toccare con mano l’impatto che l’uomo sta avendo sul pianeta. Venezia con il suo fragile ecosistema ne è stata una prova, restituendo immagini di canali trasparenti e di specie marine che erano state allontanate dal loro habitat naturale a causa di un traffico acqueo caotico ed obsoleto”.

L’innovazione si lega ad una tradizione lunga 110 anni

C’è una chiara convinzione che si lega con l’esperienza. Alberto è, infatti, cresciuto nel cantiere di famiglia che oggi offre anche l’assistenza per i motori elettrici del marchio Torqeedo di cui è  official dealer & services. Cresce l’offerta di opportunità elettriche in un contesto originale come Venezia: la città con più alto traffico acqueo.  Oltre la vendita di barche e l’assistenza, un aspetto fondamentale per una tecnologia nuova come quella elettrica, il secondo ramo di attività di AQA è legato al turismo. Settore dove Alberto e Andrea hanno già maturato esperienza. “E’ stata un’esperienza utile per studiare il fenomeno”. Si partirà da fine primavera con un Picnic 18 e una Mana 23 di Rand Boat: “La consegna è prevista entro tre mesi, poi presenteremo l’iniziativa al Salone Nautico di Venezia e  si inizierà l’attività di experience vera e propria”.

Da Venezia al resto d’Italia, sempre in elettrico

barca elettrica
Il Mana 23 di Rand Boats

Ci sono ancora i particolari da curare, ma tutto è pronto per questo  nuovo progetto turistico. Caratterizzato da una esperienza a bordo senza puzza e rumore per godere meglio degli incantevoli scorci della città. E da Venezia, in laguna è prevista la collaborazione con la start-up  e-concept per estendere il business in altre città.  In laguna si partirà con degli operatori turistici, ma l’obiettivo è “un servizio di locazione senza comandante“.

barca elettrica
Uno dei modelli Alfastreet Marine

Il turismo è uno degli ambiti dove la nautica elettrica può giocare molte carte: l’uso intenso delle imbarcazioni permette una gestione economica concorrenziale rispetto alla mobilità tradizionale, senza dimenticare il valore aggiunto di una esperienza sicuramente più coinvolgente. Per saperne di più cliccate sul link

LEGGI ANCHE: Fuoribordo elettrici: potenza e autonomie

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Idea molto interessante ! Bravi.
    Si perché la nautica, di piccole dimensioni, emette prevalentemente i gas di scarico direttamente in acqua: ove deposita una grande quantità di inquinati tossici per l’ambiente marino.
    ciao da Paolo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome