Home Flotte Aptis, l’e-bus di Alstom debutta a Strasburgo

Aptis, l’e-bus di Alstom debutta a Strasburgo

0
CONDIVIDI

Aptis, l’autobus elettrico della multinazionale ferroviaria francese Alstom, tocca la strada. Consegnato alla Compagnie des Transports Strasbourgeois (CTS), l’azienda dei trasporti della città francese. Vai Elettrico è salito a bordo di Aptis durante il suo tour promozionale a Bologna.

La consegna è solo il primo passo del piano che prevede attraverso l’operatore locale la formazione di 150 autisti. In questa prima fase l’autobus  circolerà per le strade di Strasburgo con la livrea che la flotta di Aptis adotterà una volta in pieno servizio sulla linea H.

Ricarica lenta in deposito

Gli Aptis che entreranno in servizio a Strasburgo sono stati concepiti per la ricarica lenta, in deposito durante la notte. Ma Alstom fa sapere che l’autobus è disponibile anche per la ricarica occasionale ad ogni capolinea attraverso la ricarica a terra (SRS) che Vai Elettrico ha provato a Malaga (qui) in Spagna. Un’altra opzione è il “rifornimento” tramite pantografo.

L’Aptis: 12 metri e 200 km di autonomia

Aptis
L’autobus elettrico di Alstom debuta a Strasburgo

Ricordiamo i dati principali dell’autobus, progettato nel sito di l’Eurométropole a Hangenbieten, ovvero 12 metri di lunghezza per 95 passeggeri, 200 km di autonomia  e 3 porte. Queste sono state disegnate ampie e con il pianale ribassato con  la funzione di agevolare l’accesso delle persone con ridotta mobilità e dei passeggini. Un’altra caratteristica sono i finestrini panoramici per l’intera lunghezza che si traduce in un 25% di superficie a vetri in più rispetto agli standard.

Presto a Parigi, Tolone, Grenoble e La Rochelle

Aptis, come sottolinea Jean-Baptiste Eyméoud, senior vice president di Alstom in Francia, inizia la sua corsa: “Nella città che per prima ha avuto fiducia in noi ed è situata ad appena qualche chilometro dal nostro sito di produzione”. Ma l’autobus elettrico è stato scelto anche nella capitale, da RATP e Île-de-France Mobilités, e dalle aree metropolitane di Grenoble, La Rochelle e Tolone, dove l’entrata in servizio  è prevista per quest’anno.

Autobus con certificato di origine 

Una certificazione messa in evidenza dall’azienda è “Origine France Garantie” che garantisce che almeno il 50% del valore di Aptis sia di provenienza francese. La progettazione, la produzione e i collaudi saranno eseguiti presso il sito Aptis di Alstom ad Hangenbieten, in Alsazia.

La prova di Aptis a Bologna

LEGGI ANCHE: Autobus elettrici, aziende TPL chiedono sconti fiscali per l’energia