Home Car Sharing e Flotte Altri bus di Rampini per Vienna

Altri bus di Rampini per Vienna

0
CONDIVIDI

Mentre le città italiane sonnecchiano, le grandi metropoli europee sono sempre più determinate nell’imboccare la strada del trasporto pubblico a emissioni zero. Tra queste c’è Vienna, che entro la fine del 2018 metterà in strada altri sette bus elettrici prodotti da un’azienda umbra, la Rampini di Passignano sul Trasimeno.

Già nel 2013 il costruttore italiano aveva fornito un primo lotto dei suoi bus Alé alla capitale austriaca, che li ha impiegati nelle tratte più centrali, la 2A e la 3A. Si trattava di veicoli lunghi 7 metri e 79, con una capienza massima di oltre 40 passeggeri, tra seduti e in piedi. Il motore di questo bus è un Siemens asincrono trifase da 122 kw di potenza, con celle litio-ferrite studiate internamente dalla Rampini, con un pacco batterie da 180 kWh e circa 150 km di autonomia. Il nuovo ordine riguarda invece bus da 12,1 metri in grado di ospitare oltre 60 persone, da impiegare sulla linea 4A di Vienna, città che oggi può vantare circa l’85% del trasporto pubblico (tra bus e treni) interamente in elettrico. I bus della Rampini hanno un sistema elettronico che consente di recuperare il 25% dell’energia utilizzata in frenata, particolarmente importante per l’uso nel traffico urbano, con continui stop-and-go.

L’85% del trasporto pubblico di Vienna è in elettrico

Fondata nel 1945 da Carlo Rampini, l’azienda umbra è tuttora controllata dalla famiglia: in questi 72 anni ha fatto un po’ di tutto, dalla manutenzione di mezzi militari ai veicoli antincendio, dalle scale per imbarco passeggeri ai mezzi per servizi handling. Il progetto dell’Alè è stato acquistato nel 2003 dal fallimento di un’azienda emiliana, la CAM (Carrozzeria Autodromo di Modena), che lo produceva in versione diesel e ibrida, con una meccanica su base Man AG. Intuita la potenzialità dell’elettrico nel trasporto urbano, la Rampini ne ha realizzato la versione spinta da un motore a batterie, nella speranza che anche le aziende di trasporto urbano in Italia ne facciano uso, dopo le commesse ottenute in diverse città europee.