Home VaiEnergy Allego: penalità a chi ricarica oltre 45 minuti

Allego: penalità a chi ricarica oltre 45 minuti

17
Charxcontrol

Allego introduce una penalità (salata) per chi utilizza le sue ricariche HPC per oltre 45 minuti. Per l’Italia da luglio sovrapprezzo di 0,253 euro al minuto.

AllegoAllego: per l’Italia  sovrapprezzo di 0,253 al minuto (oltre a 0,96/kWh)

L’olandese Allego è uno dei maggiori operatori europei nelle ricariche ad alta potenza. Da tempo è presente in Italia, dove ha stretto anche un accordo con Tamoil per installare le sue colonnine nei distributori di benzina. E ora vara un’iniziativa che mira ad accelerare la rotazione dei veicoli nelle sue stazioni: dopo 45 minuti o te ne vai o paghi un sovrapprezzo pesante. Per l’Italia, appunto, siamo a 0,253 euro al minuto, che si aggiungono al costo ricarica, 0,96 euro/kWh (anche Allego pratica da noi la tariffa più alta d’Europa, vedi tabella). È un bel deterrente, fatto per evitare che si lasci l’auto allacciata anche dopo il fine-rifornimento o, ancora meglio, quando si è raggiunto un livello di riempimento sufficiente. Tenendo conto che i tempi oltre l’80% si allungano notevolmente. È chiaro che una decisione del genere nasce con un occhio a Paesi in cui le auto elettriche sono molto diffuse e ci sono problemi di sovraffollamento alle colonnine.

allegoLa società olandese parla di “tassa di soggiorno…”

I conducenti che utilizzano caricabatterie pubblici devono condividere questi spazi con altri utenti di veicoli elettrici“, spiega Allego sul sito, nella sezione dedicata alle Overstay fees . “Una crescente lamentela riguarda le colonnine che sono occupate ben oltre il tempo di ricarica necessario. In alcuni casi il periodo di permanenza è di ore, spesso può durare diversi giorni consecutivi. Altri conducenti di veicoli elettrici vengono così costretti a spostarsi e ricaricare nei momenti meno opportuni. In collaborazione con gli enti locali e in seguito alle richieste dei conducenti interessati, Allego mira ad affrontiamo il problema implementando una tassa per il soggiorno oltre il limite”. Facendo anche sì che le colonnine vengano utilizzate nelle curve di ricarica più elevate, aumentando l’erogazione complessiva di energia. La società non è la prima a prendere una decisione di questo genere, ma di solito le penalizzazione parto dopo un’ora di occupazione.

– Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico

Apri commenti

17 COMMENTI

  1. A me sembra che di quanto scrivono veramente pochi siano utilizzatori di macchina elettrica….Io faccio 30000km l’anno con kona elettrica e non mi è praticamente mai capitato di dover stare oltre 45 min. ad una fast (di fast stiamo parlando gente non di AC) nonostante la kona carichi in fast tutt’altro che fast (arriva a 75kW al max). M davvero c’è qualche gonzo che pretende di caricare fino al 100% ad una fast?…Allora non ha capito niente…ed è giusto che paghi….ma assai di più dei 0.253€/min…io farei come fa tesla o anche peggio…perchè deve lasciare il posto ad altri…si chiama senso civico…e quando non lo si ha è giusto che venga “instillato” con le maniere che anche i refrattari a comprenderlo capiscono

  2. Tranquilli la ricarica delle batterie sulle auto elettriche è solo una transizione tecnologica momentanea.
    Nel prossimo futuro le auto elettriche avranno carburanti alternativi, non più serbatoi di elettroni, ma serbatoi di Idrogeno.

    Con ricarica di pochi minuti.

    Molto probabilmente ci saranno soluzioni miste, ad esempio per sfruttare appieno la ricarica rigenerativa da rallentamento e frenata, fatta appunto con batterie o supercap.

    Saranno abbandonati i sistemi di stoccaggio criogenici, per usare sistemi a temperature basse ma non molto basse.
    Alcuni test prevedono nanotecnologie con micro celle che contengono le molecole di Idrogeno a temperatura ambiente, senza necessità di costose bombole…ad alta pressione…ma con un mix perfettamente bilanciato…

    Lo vedremo presto, nei prossimi 2 o 3 anni la penisola sarà riempita di elettrolizzatori di nuova generazione e i distributori (per mezzi pesanti e flotte per il trasporto pubblico) spunteranno come funghi.

    Gli stessi poi saranno estesi anche alle autovetture private…
    Toyota aveva ragione..

    • Lei vive nel film “Ritorno al futuro”. Solo lì può affermare che “Toyota aveva ragione”

    • Pensavo fosse un commento serio e costruttivo, ma alla seconda parola ho capito che si trattava di dubbia satira visto l’enorme quantità di imbarazzanti corbellerie espresse.

    • Caro Carletto tu vivi in un altro pianeta. Al momento attuale la produzione, stoccaggio e trasporto dell’idrogeno hanno dei costi che senza sovvenzione non fanno avanti. Tanto e’ vero che ci sono un sacco di progetti, tutti finanziati dalla CE, nessuno che si sostiene da solo economicamente….

  3. Pessimo, assolutamente pessimo.
    Prezzi maggiorati dopo la fine della ricarica?
    Assolutamente legittimo (magari con un 5-10 minuti di tolleranza).
    Ma così? Proprio no.

    È giusto che sia l’utente a decidere se fare una sosta lunga ed arrivare al 100% o se farne una una più breve e magari fermarsi nuovamente, sulla base delle proprie necessità e delle caratteristiche della propria auto.

    Capisco il voler incentivare a non tenere le colonnine occupate troppo a lungo, ma così si assicurano che siano sempre libere perché nessuno vorrà usarle a meno che non sia costretto.

  4. Direi che non è molto penalizzante. Ci vorrebbe di più. Inoltre ho sempre trovato troppo largo l’autorizzazione di rimanere attaccato per un ora dopo avere effettuato la ricarica. Troppo tempo.
    Tesla dà 5 min per spostare la tua auto e ti averte sullo smartphone che devi spostarla o pagherai caro (€1.00/Min). È giusto.
    Fuori Quando hai finito.
    Inoltre Tesla averte che non è necessario ricaricare oltre il 80% e fare perdere tempo ad altri che vogliono caricare. Se non mi sbaglio, chiude anche la ricarica se quasi tutte le colonnine del Supercharger sono occupate.

  5. a parte il prezzo folle del kw non ci trovo niente di speciale anzi è poco per svegliare la gente a togliersi alla svelta dalle scatole bisogna fare come nei SUPER di Tesla che se non ricordo male a fine ricarica se non sloggi un euro al minuto , e tutti volano via , avete mai visto al distributore qualcuno che una volta finito guarda per aria mezzora e gli altri aspettano non credo , così deve funzionare.

  6. Un sovrapprezzo di 0,2 euro al minuto significa 2 euro di “multa” ogni 10 minuti.. Non mi sembra un grande deterrente, al contrario credo che per alcuni potrebbe essere quasi un incentivo a prendersela comoda nel liberare lo stallo di ricarica 🙁

  7. Con una tariffa di quasi un euro al kwh è un po’ folle aggiungere anche questa regola. In linea di principio sarebbe corretta secondo me, ma va accompagnata da un prezzo ragionevole dell’energia: a quel prezzo piuttosto faccio tot km in più e vado da qualsiasi altra parte, risparmio letteralmente con qualsiasi alternativa!

  8. Beh con i prezzi che fanno in italia meglio cercare tesla o ionity.. ma sta gente lo sa che non siamo tutti disperati?

  9. Quanto dice Leonardo è verissimo, se metti prezzi alti e oltretutto sei “obbligato” a ritornare dopo 45 minuti o sei “alla frutta” con la ricarica o proprio non ci vai … un ottimo disinentivo ad acquistare una elettrica a chi non può caricare a casa propria

    • È comunque una rete molto minoritaria… Capiterà di incontrare una sua colonnina ogni 1000 della concorrenza…
      E con apposita App (TariffeEV) sai anche quale ti conviene di più. ..
      Basta non essere degli sprovveduti…e si risparmia abbastanza da compensare “quella volta che….” 😉

  10. Può essere anche giusto, ma tanto, chi le usa? Costa il doppio dei Supercharger Tesla e oltre un terzo in più di Repower Recharge Around, in pay per use. È chiaro che non mi vedranno mai.

  11. Convincere “con le cattive” a non lasciare “a parcheggio” nelle HPC è un sistema efficace per fare capire che le colonnine pubbliche sono a disposizione di tutti gli utenti “elettrici” , che devono abituarsi a gestire la fatidica fascia 20-80%🪫🔋che assicura velocità di rifornimento con tutte le BEV (molto meno le plug-in!). In Olanda hanno sicuramente tanti più utenti e dovremo aspettarci anche in Italia regole simili quando arriveremo ad avere un 15% di vendite…
    Devo dire che tale regola “invoglia” a caricare con WB (date le tariffe totali per l’ Italia) ma nulla può contro i “furbetti del parcheggio abusivo”…
    Speriamo che inventino qualcosa di efficace….

Rispondi