Home Nautica Alla Barcolana 50 si fa festa in elettrico

Alla Barcolana 50 si fa festa in elettrico

0
CONDIVIDI

C’è dell’elettrico alla Barcolana, la regata più grande al mondo ovvero la più affollata: nelle ultime edizioni si sono superate le 2000 iscrizioni 

Si tratta di una vetrina mondiale, di una leva di marketing turistico ad alto potenziale. Basta guardare il numero degli sponsor – marchi di livello internazionale – ed il nutrito programma delle attività dell’edizione numero 50 che, partita il  5 ottobre e continuerà fino al 14  con la regata vera e propria.

La barca simbolo è elettrica 

Per festeggiare i primi 50 anni della regata è stata varata Barcolana 50. Si tratta di una passera della tradizione adriatica, un pezzo di memoria storica, ma innovativa visto che la propulsione, oltre che dalla  vela, è assicurata da un motore elettrico.
Per celebrare l’edizione numero 50 dell’evento abbiamo voluto varare la nostra Barcolana50, la barca che meglio ci rappresenta e racconta la nostra storia, che parte da lontano. Ispirati dalle nostre origini, abbiamo realizzato una barca, una passera della tradizione adriatica, innovandola – – spiega il presidente della Società Velica di Barcola e Grignano,che organizza la regata, Mitja Gialuz –. Attorno a un tavolo abbiamo messo il progettista Federico Lenardon, il velaio Mauro Parladori con Olimpic Sails, Giorgio Ferluga e i maestri d’ascia del Cantiere Alto Adriatico, Motomarine per l’attrezzatura, la nostra esperienza e professionalità, il supporto economico del nostro sponsor SIAD: in poche settimane è nata Barcolana 50, ed è una barca che ci rappresenta perfettamente; tradizione, modernità, rispetto per l’ambiente, la forza del know how Adriatico che sono i pilastri di Barcolana, della nostra gente di mare, dell’economia blu del Nord Est”.
Un segno dei nuovi orizzonti (sostenibili) della nautica.

Tradizione ed innovazione

Ma vediamo alcune caratteristiche della barca: un daysailer di legno con chiglia retraibile, carrellabile, armato con un grande gennaker e dotato di un piccolo motore elettrico. “Tutte soluzioni adatte all’Adriatico, e a chi vuole navigare con una piccola ma veloce imbarcazione, costruita nel rispetto della natura, con speciali vernici e resine, spiega Gialuz, abbiamo creato un grande lavoro di squadra per realizzare uno scafo poco costoso, eco compatibile e smart. Quando la guardi, vedi la tradizione e la modernità”. Alcuni numeri: lunghezza m 6,208; larghezza m 2,440; peso kg 850; superficie velica randa + fiocco 35 mq“.

Barcolana 50 ha fatto il  suo battesimo in mare  con 15 nodi, nel trasferimento da Barcola allo Yacht Club Adriaco, in vista della partecipazione alle regata per barche d’epoca e della tradizione.  Sotto la foto.

Anche la bici è elettrica

Scorrendo questo menù di mare si scopre anche l’elettrico a pedali. Accanto alla Barcolana in mare ed in barca è nata “Barcolana in bici” . Evento, organizzato in collaborazione con il Comune di Muggia, con la partnership del marchio di e-bike Ekletta e con la partecipazione delle associazioni Bora.La e Ulisse FIAB, che permette attraverso una pedalata sul lungomare di assistere ad alcuni passaggi della regata. Per chi intende partecipare è necessaria l’iscrizione tramite il sito Bora 

L’elemento elettrico della manifestazione a due ruote è il progetto “PIEGA BARCOLANA”:, la bici elettrica pieghevole ufficiale dell’evento, in vendita nel Villaggio Barcolana e realizzata da Ones Moving. “Grazie al Comune di Muggia e a Ekletta – sottolinea il presidente della SVBG Mitja Gialuz – che permette, a nostro modo di vedere, che questo evento sia ancora più aperto al pubblico e inclusivo, grazie alla presenza delle e-bike”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome