Home Auto Alessandro Gassman: “Volevo comprare un’elettrica, ma…”

Alessandro Gassman: “Volevo comprare un’elettrica, ma…”

180
CONDIVIDI
Alessandro Gassman in un'immagine d'archivio.

Alessandro Gassman lancia un appello parlando su Rai Tre durante la sua rubrica ne “Le parole della settimana“: “Dateci una rete di ricarica per auto elettriche, io volevo comprarne una a Roma, ho dovuto ripiegare su un’ibrida”.

Alessandro Gassman ha ragione a lamentarsi?

Nel programma condotto da Massimo Gramellini, Alessandro Gassman ha detto che tutti noi dovremmo optare per auto elettriche. Ma ha aggiunto che, oltre a costare molto, le macchine a emissioni zero non dispongono in città come Roma di un’adeguata rete di ricarica. Ha ragione, nei fatti, o è solo un’errata percezione?

Alessandro Gassman
La distribuzione dei punti di ricarica in Italia in un grafico pubblicato da Motus-e.

Di certo il popolare attore dà voce a un sentimento diffuso. E di certo le sue parole non faranno piacere all’amministrazione comunale, che da tempo ha attivato il Piano Capitolino della Mobilità Elettrica. Con l’intento di coinvolgere i cittadini nella scelta di dove posizionare i punti di ricarica. Su Roma, peraltro, è molto impegnata Enel X. Già a settembre in un’intervista a Vaielettrico.it l’ad Francesco Venturini aveva detto che è proprio la capitale in cui si effettuano più ricariche elettriche in Italia: “Ormai siamo vicini al traguardo dei 500 punti di ricarica pubblici. La domanda è forte, ci sono un sacco di Smart elettriche già in giro, oltre a tutto il resto”.

— Leggi anche: caro Gassman, Roma non è off-limits per le auto elettriche, parola di Motus-e. E qui/ Il tassista lombardo come Gassman: “Com’è difficile ricaricare a Milano” 

 

Un attore a caccia di “Green Heroes”

Alessandro Gassman è da tempo impegnato sul fronte ambientalista. E nello spazio settimanale del programma condotto di Gramellini parla dei Green Heroes. Con l’aiuto degli esperti del Kyoto Club, diffonde ogni fine settimana le storie di persone che con il loro lavoro hanno messo in piedi attività ecosostenibili. Imprese piccole o grandi che fanno bene al futuro del pianeta e che l’attore de “I bastardi di Pizzofalcone” fa conoscere attraverso il suo account Twitter.

Green HeroesÈ il tentativo di far capire alle persone che se tu investi il tuo tempo, il tuo danaro, la tua intelligenza in qualsiasi tipo di mestiere che abbia anche un valore verde non solo contribuisci a salvare il Pianeta, ” ha detto a La Stampa, “ma hai anche più possibilità di guadagnare. Cerchiamo di dare dei messaggi positivi e semplici che scuotano le persone non informate. Vorremmo far capire che non sono cose marginali, ma si tratta di un tema centrale. A mio parere dovrebbe essere il tema più importante per tutti visto che di Pianeta ne abbiamo uno solo”.

SECONDO NOI. Gassman sarebbe il testimonial ideale per la mobilità elettrica. Ma il fatto che neppure lui ci creda, significa che c’è qualcosa che non va. O che le colonnine sono troppo poche, come dice lui. O che si è fatto troppo poco per far conoscere quelle che ci sono.

 

180 COMMENTI

  1. Paolo, gli incentivi provinciali per l’acquisto di un’auto elettrica in Trentino non sono certo tra i più alti d’Italia. Anzi. È in ogni caso, anche se non esistessero, questo renderebbe solo un po’ più lungo il periodo di tempo necessario per pareggiare i costi con il Diesel e iniziare a risparmiare. Certo, un domani lo stato potrebbe decidere di tassare l’energia elettrica per autostazione. Oggi muoversi in elettrico può costare fino a un quarto rispetto a muoversi a gasolio. Ma se anche un domani lo stato dovesse tassare l’energia per autostazione, talmente tanto da parificare i costi con il Diesel, questo non cancellerebbe di certo tutti gli altri vantaggi. E in ogni caso, perché precludersi oggi questa scelta? Non ne vedo il motivo. Ho sempre piuttosto la sensazione che ci sia in molte persone la volontà di trovare delle buone scuse per non confrontarsi nemmeno con la tecnologia elettrica, per trovare una giustificazione. Per favore non odiate l’elettrico a priori. Odiatelo pure ma dopo averlo provato e capito. È una tecnologia nuova, non adatta oggigiorno a tutti, e per molti assolutamente sconsigliabile. Ma fatevi un favore: cercate di conoscerlo a fondo prima di giudicarlo.

    • ?? Ma figurati!
      In effetti, se andiamo a vedere altri forum, blog, club e quant’altro, altro che papielli , con me incluso abbiamo fatto enciclopedie….e con chi ha messo pure calcoli matematici dei consumi energetici dell’Italia intera, libri di testo universitari! Ci manca solo che sistemiamo noi il problema delle batterie e stiamo al completo…anzi su questo ci ha già pensato il Sig Massimo con la sua forza del pensiero ad alimentare le batterie al posto dei cavi penzolanti che escono dalle colonnine visto che solo a Mogadiscio li ha visti ?‍♂️??

    • … comunque, a che nessuno si offenda, ma a quel che ho potuto vedere, in fatto di papielli qui ci sono tanti che mi battono con tanto di calcoli matematici compresi e i papielli miei se li tirano loro di conseguenza….?
      Buona serata anche a te Paolo ??

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome