Home Auto Acquisti on line: “Con la AMI qualcosa non va”

Acquisti on line: “Con la AMI qualcosa non va”

27
CONDIVIDI
La Citroen Ami:

Acquisti on line: il futuro dell’auto è qui? Probabile, a patto che ci si attrezzi a rispondere adeguatamente ai clienti. Cosa non accaduta a questo lettore.

                        di Massimiliano Manfredi

Da anni per il traffico cittadino di Milano,  ci siamo indirizzati ai mini veicoli elettrici per la famiglia, con soddisfazione. Due Twizy, con l’odioso contratto “capestro” per il noleggio batteria ! E non appena si è  presentata in Italia la proposta AMI, ne ho subito approfittato per disfarmi della Renault“.

acquisti on lineAcquisti on line: “All’inizio tutto ok, metti nel carrello…”

La formula di acquisto AMI a mini-rate è  molto interessante,  con un anticipo di 1.500 euro e 48 rate da 50 euro ….Chi oggi ha una Twizy strabuzza gli occhi! Prevedendo che, non appena la formula Citroen sarà più  conosciuta, tutte le Twizy si svaluteranno, ho subito abbracciato con entusiasmo la migrazione. E, appena disponibile online ho proceduto all’acquisto della AMI. Ma non è tutto oro quello che luccica. Per la definizione del modello nessun problema, funziona come un qualsiasi configuratore auto. Messo il tutto nel carrello, si può procedere all’acquisto guidato. Anche questa procedura è  abbastanza snella e non richiede molto oltre che qualche foto di documenti, comunque ben guidata! Nulla a che vedere con le pratiche complesse che ti chiedono per il contratto del nolo delle batterie Twizy( i proprietari ne sanno qualcosa…).

“…ma poi numero verde e mail ti rimbalzano”

acquisti on line
Chiuso il contratto  e approvato  (circa in 10 giorni), arriva una mail dove ti indicano il tempo massimo della consegna. Da lì inizia il limbo degli acquisti on line, quando servono informazioni sullo stato dell’ordine. Il numero verde per  i clienti, indicato nel sito AMI , non è nulla più che quello generico Citroen! Dal quale chi risponde non ha nessuna possibilità di  dare informazioni sugli acquisti AMI. Inizialmente la risposta alle richiesta era : “Non posso che inoltrare la segnalazione. Ora si sono evoluti e la risposta è  cambiata : ” Abbiamo segnalazioni che l’unico canale di comunicazione per AMI è la mail dedicata…“. Anche questo servizio, sebbene risponda entro 24 ore, purtroppo  non fa altro che rimbalzare il cliente con generiche risposte inutili. La situazione odierna è che, rispetto  alla data ultima di consegna indicata, sono già trascorsi 15 giorni. E non c’è nessun riferimento dove poter avere degli aggiornamenti reali. Vedremo…“.

SECONDO NOI. Vendere on line consente alle Case di risparmiare un sacco di soldi, ma questo non può avvenire a spese dei clienti. Succede per gli abbonamenti ai telefonini, succederà per le auto, se non ci sarà un salto di qualità. Proporre buoni prodotti non basta, senza poi un servizio adeguato. Non vale solo per la Citroen, naturalmente…

—————————————————————————————————

acquisti on line—Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

27 COMMENTI

  1. Ordinata l’Ami il 28/10/2021. consegna prevista 20/02/2022. ancora non si vede. Supporto ami gestito da incompetenti che non leggono neanche le mail che gli si mandano…e rispondono a casaccio.Ti danno del tu neanche fossi un loro parente… Una vergogna! Macchina pagata, documenti consegnati da 15 gg, ma non me la consegnano, forse aspettano che gli faccia scrivere dell’ avvocato….

  2. DOPO tante traversie burocratiche non ancora risolte, finalmente posso godermi la mia AMI nel traffico di Milano.
    appena ricevuto il pass comunale per sostare in qualsiasi parking cittadino ( strisce blu e gialle ) ho subito apprezzato l’utilizzo dell’elettrica in città.
    autonomia 100km, confermata e sufficiente per l’utilizzo necessario.
    la ricarica attraverso la shuco 16A, viene fatta in 60/90 minuti.
    la guidabilità e impressione di guida sono ottime,spazio interno ce n’è da vendere.
    certo è spartana, ma rispetta le aspettative.
    acquisto soddisfacente

    • Grande Massimiliano, quando avrai fatto un po’ di km, seti va, puoi condividere un po’ dati sull’andamento della Ami nell’uso reale, con un giudizio su quel che ti piace e che cosa no.

  3. finalmente consegnata!
    con 2 mesi di ritardo dalla data di immatricolazione e dall’inizio del canone di locazione, su mio continuo sollecito mi hanno consegnato l’auto!!
    servizio consegna, nulla da eccepire e mi hanno anche equipaggiato l’auto con i gadget che in teoria avrei dovuto applicare io.
    ..ma il resto è gravemente insufficiente!

  4. Entriamo in agosto..l’odissea continua!
    Nessuno sa dire dove sia l’auto immatricolata dal 7 luglio.
    Il concessionario è impotente sino a quando non riceverà l’auto. …il servizio clienti sa solo dire che è stata spedita in data 7 luglio…ma dove sia l’auto, nessuno sa niente!
    Spero che nn sia x tutti i clienti la stessa situazione.
    Forse è meglio che qualche ente preposto cominci ad indagare….

  5. AGGIORNAMENTO2
    oggi 16/7, nonostante l’auto sia immatricolata e targata , nessuno del servizio clienti o il concessionario di riferimento sanno ancora dirmi dove è la AMI!!
    Dopo 14 giorni dall’immatricolazione non esiste alcun tracciamento.

  6. AGGIORNAMENTO
    finalmente a 3 mesi dalla data conferma ordine e 20 giorni di ritardo dalla data ultima indicatami, ho ricevuto dalla finanziaria copia del libretto con la richiesta di inviare entro 7 giorni copia cel certificato assicurativo. successivamente a ciò ricevo dalla stessa avviso, via mail, di contattare direttamente il concessionario di riferimento scelto per il ritiro della AMI.
    secondo voi l’auto è pronta?….nemmeno per sogno.
    ancora una volta l’unico riferimento è la fatidica mail clienti AMI, che mi risponde ancora con la solita frase ” ci dispiace ma appena sapremo qualche cosa la informiamo…”
    veremo ora dalla data di immatricolazione quanto tempo passerà alla consegna.

    …..la saga prosegue…

  7. Sabrina Marchetti
    Ho vissuto e sto vivendo le stesse disavventure narrate nell’articolo, mi rendo conto quindi che, il sistema dilatorio è proprio una politica della Citroen, ha me addirittura anno inviato in data 11/06/2021 la copia della carta di circolazione, l’auto, come da comunicazione mi doveva essere consegnata entro il 14/06/2021, ma fino ad oggi 23/06/2021, non so ancora quando potrò ritirare la mia AMI, già integralmente pagata.
    Ho inviato non so quante mail al sito supportoami@citroen.com, ricevendo, in risposta delle mail che hanno il sapore della presa per i fondelli, con le quali si scusano, ma non dicono nulla circa la consegna del veicolo, veicolo già targato ed immatricolato, quindi pronto per la consegna.
    Certamente la professionalità della Citroen lascia molto a desiderare, per non dire peggio.
    Davvero inspiegabile, sono profondamente delusa ed offesa dal comportamento della Citroen, anche in considerazione che un mio conoscente ha ordinato una Tesla model 3, per via telematica, circa venti giorni dopo il mio ordine e la vettura è stata consegnata in data 12/6/2021, molto più efficienti, professionali e corretti.
    Sono orientata ad adire le vie legali nei confronti della Citroen.

    • Proprio oggi in autostrada sulla A14, all’altezza di Imola, ho visto una bisarca con una AMI azzurra nel carico: chissà che non sia destinata a qualcuno di voi…

  8. Buongiorno, anche io medesima esperienza negativa! Attualmente ho anche una twizy della quale mi guardo bene dal disfarmene in quanto decisamente più prestazionale. Tuttavia ad aprile ho ordinato la Ami Pop con formula 2000 anticipo e 39 euro mese per 48 mesi. Data consegna massima prevista per il 7 giugno. in data 28 maggio PSA Finance mi ha fatto firmare per l’immatricolazione, ma in prossimita della scadenza del 7/06 nessuna comunicazione di posticipazione mi è giunta e neanche superata tale data. Anche io ho seguito la prassi del numero verde dove ho appreso la totale assenza di info e all indirizzo del supporto ami, alle varie mail, hanno risposto in maniera generica solo dopo 15gg. Pertanto, anche io ad oggi ignoro che tiene abbia fatto la mia Ami. Prima ed ultima Citroen che acquisterò.

  9. Secondo me è tutto molto semplice: in questo momento dell’ elettrico si vende quello che non c’è! Per forza non rispondono, non hanno idea di quando potranno consegnare le auto!
    Vedi a breve anche il cybertruck!

    • No Piero, il problema è un po’ più ampio. chiunque abbia fatto un acquisto on line se n’è reso conto: se tutto va liscio è perfetto e si risparmia anche, ma se c’è qualche problema riuscire a parlare con qualcuno che risolva è un’impresa titanica, che passa per ore e ore di attesa su numeri verdi che spesso ti rimbalzano senza risolverti alcunché.

  10. Ho effettuato il bonifico dell’acconto il 9 giugno, ho chiesto informazioni e il mio ordine non risulta. Confermo che c’è qualcosa che non va…

  11. a parte che la twizzy la puoi prendere anche con le batterie di proprietà, ma veramente hai venduto le twizzy per sto aborto di m…da? va ben che de gustibus… però…

  12. Mi trovo d’accordo col sig. Perotti. I primi a non credere nell’elettrico sono proprio i costruttori d’auto e sembrano non voler far fronte alla reale richiesta di questo tipo di veicoli. Speriamo che in futuro la situazione migliori.

  13. La carenza di informazioni colpisce un po’ tutti i mezzi di nuova produzione. Difatti molto spesso leggo di gente che si sente rassicurare dal venditore, che gli comunica che c’è un ritardo quando questo è già palese.

  14. Dovevo averla in consegna entro il 31/05, ad oggi non si sa nulla… Ho in mano solo il numero di telaio del mezzo! Assistenza clienti da terzo mondo: dei bambini che gestiscono un mercatino di quartiere di giocattoli usati saprebbero sicuramente fare meglio. Non rispondono nemmeno al reclamo mandato tramite legale, spariti completamente dalla circolazione… ESPERIENZA PESSIMA, non oso immaginare come sarà l’assistenza post vendita.

  15. Mi sa che anche in questo caso non è stata prevista la SCALABILITA’ !
    Ovvero si immagina una certa utenza (1000 clienti mese) che può essere servita ad esempio da un gruppo di 10 persone che fanno tutto il lavoro di BackOffice e rispondono alla mail.
    Ma se l’auto ha successo (3000 clienti mese) si devono trovare rapidamente almeno altre 15 persone da formare e da affinare alle 10 iniziali.

      • Da addetto ai lavori (non PSA): ci sono molte meno persone di quanto si pensi dietro la gestione di questi servizi, o dietro ad interi distaccamenti nazionali di Marchi automobilistici…e dando tutto in gestione a terzi i risultati sono quelli descritti qui, se non anche peggio.
        Occhio ragazzi, l’automotive è un mondo molto, molto più complicato di quanto sembri per i suoi operatori, e ogni anno è sempre peggio.
        Non si può pretendere la stessa efficienza di Amazon su servizi nato “l’altro ieri” (anche se l’articolo suggerisce un certo dolo, questo è vero), e onestamente immaginare questo mercato in mano all’ecommerce mi fa rabbrividire…scenari a dir poco distopici per tutti, clienti E operatori.

    • Parliamo di citroen, non di un DS o altro artigiano del caso.
      C’è stata una campagna di lancio e un accettazione ordinò ri inviata di almeno 6 mesi….
      Non è giustificabile!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome