Home Auto Aceman, il crossover della Mini

Aceman, il crossover della Mini

5
CONDIVIDI

Aceman è il nome (provvisorio) scelto dalla Mini per il suo crossover elettrico. Per ora è un concept, ma presto arriverà il modello di produzione.

acemanAceman, da guidare come un go-kart

La tentazione delle ruote alte sta contagiando anche chi ha costruito la sua storia su auto di piccole dimensioni. E, dopo la Smart con la #1 (ormai in vendita), ecco la Mini presentare il suo crossover. Per ora ci sono solo le immagini e qualche notizia trapelata dalla stampa tedesca. Come le dimensioni, piuttosto compatte, con 4,05 metri di lunghezza, 1,99 di larghezza e 1,59 di altezza. Altri dettagli tecnici non ce ne sono e la n.1 del marchio del gruppo BMW, Stefanie Wurst, preferisce concentrarsi sulla filosofia di questo progetto: “La Mini Concept Aceman offre un’anteprima di un  nuovo veicolo che si colloca tra la Cooper e la Countryman nella futura famiglia di modelli. Questo concept car riflette il modo in cui Mini si sta reinventando verso un futuro completamente elettrico e ciò che il marchio rappresenta. Ovvero una sensazione di go-kart elettrificato, un’esperienza digitale coinvolgente e una forte attenzione all impatto ambientale“.

acemanIl capo del design: “Con l’elettrico molto più spazio interno”

Oliver Heilmer, Capo di Mini Design, enfatizza i vantaggi del solo-elettrico. Spiegando che il design della carrozzeria ha potuto concentrarsi nuovamente “sui valori tradizionali di Mini in termini di principio dell’uso creativo dello spazio“. Il suo staff non ha dovuto considerare lo spazio di installazione per il motore a combustione, la trasmissione e il tubo di scarico. Potendo contare su una disposizione della batteria particolarmente piatta. “Ciò si traduce in modelli che occupano poco spazio sulla strada offrendo al contempo più comfort, più versatilità e più emozioni all’interno che mai“. Interno  improntato a due concetti: attenzione alla sostenibilità, con rinuncia all’uso di pelle, e digitalizzazione. Mini afferma di essere il primo produttore a installare un display OLED rotondo in un’auto. La  Aceman sarà esposta per la prima volta non in un salone dell’auto, ma a Gamescom, una grande kermesse dedicata ai giochi virtuali che si svolge a Colonia in agosto.

 

Apri commenti

5 COMMENTI

  1. Mi piace molto. Rilevo che il passaggio all’elettrico sta stimolando i progettisti e designers a cercare un ripensamento totale del mezzo e dell’interazione con l’uomo, molto più che nelle ultime uscite “termiche”. Che sono sostanzialmente ripetitive. Prima il carattere di un’auto si svelava dalla curva di coppia e potenza, dalla taratura del turbo, dal rumore dello scarico. Ora non c’è più niente di tutto questo (e non mi manca in definitiva). Oggi una ICE ti parla con giochi di luce, uno schermo multimediale, adas evoluti, e anche ti parla realmente rispondendo alle tue richieste. Di qui a breve disserteremo di politica con la nostra auto? A parte gli scherzi, sono tempi stimolanti per il settore.

  2. /// “Ciò si traduce in modelli che occupano poco spazio sulla strada \\\ Siamo sicuri ? L’Aceman è largo due metri, piú di molti “mini-Suv” in circolazione (si possono confrontare le misure dei diversi modelli con siti come https://it.automobiledimension.com/) E meno male che gli specialisti di Mini Design non sono stati vincolati dagli ingombri delle parti “endotermiche”…

    • è più larga di una multipla (6 posti): mobilità sostenibile.. 🤦‍♂️

      un paio di settimane fa, ho incrociato una 112 incolonnata in mezzo a auto moderne: sembrava una peg perego per bambini

    • Immagino in una cantonata di scrittura. È largo 1,99 m un Q8 dell’Audi che misura 5 metri. Sarà 1,79, piccolo errore di battitura. Molto carina comunque come linee.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome