Home Alla ricarica A Venezia 68 colonnine per le auto. E le barche?

A Venezia 68 colonnine per le auto. E le barche?

2
CONDIVIDI
nautica elettrica venezia
Veduta di Venezia

L’amministrazione comunale di Venezia spende 1,5 milioni per 19 stazioni e 68 colonnine di ricarica con l’obiettivo di convertire in elettrico la flotta municipale di auto. La città ha puntato anche sui bus elettrici. Bene. Ma non si leggono e non si vedono investimenti sulle barche elettriche, oltre alcuni investimenti sull’ibrido che presenta carenze dal punto di vista ambientale.

Via al progetto per 68 nuove colonnine

vaporettoLa Giunta comunale nei giorni scorsi ha approvato, su proposta dell’assessore alla mobilità Renato Boraso, il progetto definitivo per l’individuazione di 19 nuovi siti dove verranno installate 68 postazioni di ricarica per auto elettriche a servizio di veicoli comunali. Insomma si punta a soddisfare il fabbisogno della flotta pubblica.

Il progetto – spiega Boraso – per un valore di 1,5 milioni di euro, nasce dalla necessità di dotare le diverse sedi della polizia locale e alcuni siti di particolare interesse per il servizio viabilità del Comune di Venezia di punti di ricarica elettrica, nell’ottica di sostituire parzialmente il parco auto attuale con veicoli elettrici o ibridi a minor impatto ambientale. Infatti, la diffusione sempre più marcata delle auto elettriche e plug-in offre prospettive incoraggianti per una maggiore sostenibilità ambientale nel mondo dei trasporti“.

YouTube player

Lodevoli del parole dell’assessore: “Investire nelle colonnine di ricarica elettrica oggi rappresenta un modo intelligente per contribuire ad una significativa rivoluzione energetica, dove una maggiore consapevolezza dei consumi ed un impegno comune contro il cambiamento climatico renderanno possibile il sempre maggiore ricorso alle fonti rinnovabili“.

autobus elettrico
Gli autobus del Comune di Venezia

Una vera ode ambientale: “Dimostriamo così di continuare ad investire, con i fatti, su una seria mobilità green così come abbiamo già fatto con l’acquisto di bus elettrici, e presto ad idrogeno, o come abbiamo fatto nelle isole di Lido e Pellestrina investendo su un trasporto pubblico completamente elettrico. Tutti interventi che concorrono a dimostrare di avere le carte in regola per meritare il titolo di capitale mondiale della sostenibilità“.

E le barche?

Ma per diventare capitale mondiale sostenibilità servirebbe vedere  qualche barca elettrica navigare in Laguna. A Terra si può promuovere la politica veneziana, in acqua  ci sono perplessità. C’è una gran quantità di imbarcazioni ma manca una rete di alimentazione e questo elemento  frena lo sviluppo della mobilità a zero emissioni.

Sul livello del trasporto pubblico recentemente è stata affidata al cantiere navale Vittoria di Adria di Rovigo la costruzione di due motobattelli foranei ibridi diesel-elettrico da impegnare in laguna nord sulle linee 12, 14 e 15 che collegano Venezia con Murano, Mazzorbo, Burano-Torcello e il litorale di Cavallino-Treporti. Il budget è di 6,6 milioni.

VIDEO: A Venezia su Candela Boat

YouTube player

Ma non è finita qui perchè altri 7 motobattelli foranei con motore termico  entreranno in esercizio tra 2023 e 2024, qui l’investimento è di oltre 13,5 milioni di euro. Insomma non si vede una svolta verso la decarbonizzazione del trasporto marittimo sia privato sia pubblico.

– Iscriviti alla newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico – 

Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Probabilmente chi vota Brugnaro vuole asfissiare i turisti, perché i turisti asfissiano i veneziani.

    Una sorta di occhio per occhio, dente per dente. Gioco sempre perdente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome