Home Nautica A Trieste sono “sold out” le gite con la barca elettrica

A Trieste sono “sold out” le gite con la barca elettrica

0
CONDIVIDI
Nautica elettrica
Il trimarano elettrico in servizio a AMP Miramare

Sold out per le escursioni in barca elettrica a Trieste. Le cinque escursioni organizzate dall’Area Marina Protetta di Miramare, da agosto a settembre, hanno fatto il pieno di prenotazioni e aperto la stagione della navigazione a emissioni zero. Per scopi ricreativi, ma pure scientifici.

Parliamo di una sessantina di partecipanti, sono pochi ma è il segnale di un nuovo modo di vivere l’ambiente. Il titolo dell’iniziativa è significativo: Luci soffuse, silenzio: parla il mare.

Ha conquistato un nostro lettore, Domenico, che ci ha segnalato l’evento: “Una gradita iniziativa nelle escursioni turistiche nelle acque della riserva marina, nel silenzio, con tranquillità e respirando solo il profumo del mare. Mia moglie e i miei bambini hanno goduto di quest’esperienza e ne sono rimasti entusiasti“.

Flabellina, pontoon boat con due motori Torqeedo

Oltre il dato ambientale della riduzione delle emissioni, resta quello più rilevante: la fruizione più naturale del mare grazie alla riduzione del rumore del motore e l’assenza di puzza da idrocarburi. Un punto di forza per gli operatori turistici che puntano sul turismo naturalistico.

Nautica elettrica
Una escursione elettrica lungo l’area marina protetta

La barca prende il nome di Flabellina, fa servizio nell’Area Marina Protetta di Miramare, e si tratta di un pontoon boat di 8 metri con tre scafi a settori stagni per garantire la stabilità. E’ costruita in alluminio riciclabile al 100%, con 20 metri quadri di pianale utilizzabile, idoneo anche per le persone diversamente abili, 2 motori fuoribordo Torqeedo Cruise 10 da 10 KW della potenza equivalente a 40hp, alimentati da un sistema di batterie di 40 kWh.

Velocità massima 10 nodi, autonomia di 5 ore a  6 nodi

L’imbarcazione  potrà essere ricaricata grazie ad una colonnina installata presso il porto di Grignano. L’autonomia? “Nelle condizioni meteo marine ideali e con il miglior assetto di navigazione, può raggiungere la velocità di 10 nodi. Alla velocità di crociera di 6 nodi ha un’autonomia di 5 ore per una percorrenza di circa 55 km“.

GUARDA IL VIDEO: La barca elettrica come funziona
Miramare nautica elettrica
In navigazione con il trimarano elettrico

Flabellina è approdata a Trieste grazie a un finanziamento del Ministero della Transizione Ecologica da 100mila euro con il bando “Aree marine protette per il clima”. Miramare, dicono i responsabili della AMP “è la prima fra le aree marine protette italiane ad essersi dotata di una barca elettrica“.

La progettazione tecnica e la realizzazione è stata a cura di Barchelettriche che ha lavorato su un pontoon boat di Sistema Marine di Ferrara.

LEGGI ANCHE: A Verbania navigherà Elettra, la barca elettrica comunale

Focus sull’inquinamento acustico e l’impatto sulla fauna

Il trimarano è in grado di ospitare 12 persone più lo staff del WWF che gestisce le escursioni. Oltre che per le mini crociere, Flabellina sarà utilizzata per uno degli obiettivi istituzionali dell’AMP: l’educazione ambientale e la divulgazione scientifica sull’ambiente marino. Si ospiteranno a bordo bambini e ragazzi dei centri estivi, studenti, snorkelers e turisti in escursioni naturalistiche tra Miramare e Santa Croce. E anche ricercatori visto che uno dei partner scientifici è l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS e l’Università degli studi di Trieste

LEGGI ANCHE: Transfluid lancia nuovo motore marino da 260 kW

Uno dei temi affrontati durante le escursioni a Trieste sarà “quello del rumore subacqueo e del suo impatto sulla bioacustica dei pesci e di tanti altri organismi marini. Grazie all’utilizzo a bordo di un idrofono e all’andatura silenziosa di Flabellina, i visitatori avranno l’occasione di ascoltare il paesaggio sonoro sottomarino e di farsi raccontare dalle guide del WWF quanto il rumore prodotto dalle imbarcazioni off shore e da ogni altra attività antropica in mare o sulla costa, possa disturbare e compromettere le funzioni vitali degli organismi, dalla riproduzione alla comunicazione, dalla difesa dai predatori all’orientamento“.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico—

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome