Home Sharing A Reby e BIT i monopattini in sharing di Bergamo

A Reby e BIT i monopattini in sharing di Bergamo

0
CONDIVIDI
(foto dai profili social del Comune di Bergamo).

A Reby e BIT il servizio di monopattini elettrici in sharing a Bergamo. Lo annunciato sui social (qui)  il sindaco Giorgio Gori, dando i dettagli della gara.

a Reby e bit
Il sindaco Giorgio Gori

A Reby e BIT i punteggi più alti

Ecco quanto comunicato dal Comune: “Presto Bergamo avrà il proprio servizio di monopattini elettrici in sharing. È stato chiuso nelle scorse ore il bando per l’assegnazione del servizio in città, con Reby Italia e BIT Mobility (rispettivamente con 95.42 e 94 punti) ad ottenere i punteggi più alti. Cinque le società partecipanti alla selezione pubblica: le due società aggiudicatrici, già attive sul territorio nazionale in diverse città, hanno ottenuto un punteggio migliore poiché

  • hanno offerto un numero più alto di monopattini euna più vasta area di utilizzo  
  • corrisposto alla maggior parte delle richieste stabilite dall’Amministrazione comunale.

Entro agosto dovrebbero quindi entrare in servizio quasi 1400 monopattini elettrici in città, risposta importante sul tema della mobilità alternativa. Soprattutto nei mesi dell’emergenza Covid, che rischia di incrementare il traffico. Soprattutto da settembre, alla riapertura delle scuole”.

C’è già lo sharing Muoviti Controcorrente

a Reby e bitGià dal giugno dell’anno scorso a Bergamo è arrivato Muoviti Controcorrente, servizio di e-mobility in car sharing  (guarda l’articolo). Con la app Popmove (qui), inizialmente 10 auto elettriche da condividere e libere di circolare in tutte le ZTL. Oltre che di parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu e gialle. Il servizio Muoviti Controcorrente è nato grazie alle sinergie realizzate tra Lozza SPAComune di Bergamo e ALD Automotive, società di nel noleggio a lungo termine. Le 10 auto sono state posizionate in 5 stalli (Sentierone, Croce Rossa di Loreto, Palazzetto dello Sport in città bassa, Colle Aperto e Piazza Mercato del Fieno in Città Alta). L’ottica dell’Amministrazione è quella di una mobilità integrata, in cui lo sharing elettrico diventa una componente della viabilità urbana.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome