Home Nautica A Bologna Fiera il salone blu, si spera elettrico

A Bologna Fiera il salone blu, si spera elettrico

0
CONDIVIDI
da_sx-Gennaro_Amato_PNI-e- Stefano_Bonaccini_(GovEmiliaRomagna)

Bologna Fiera si colora di blu elettrico. Con il Salone Nautico in programma per ottobre 2020 che si annuncia ben partecipato: 40 cantieri hanno già prenotato e gli organizzatori pensano di occupare ben 6 padiglioni.

Sono oltre 32mila metri quadri espositivi che il capoluogo dell’Emilia-Romagna dedica alla nautica. E si conoscono già i primi nomi, le aziende che hanno prenotato con un anno di anticipo lo stand. La manifestazione annuncia ottimi numeri e  può contare sulle edizioni precedenti a Napoli da dove è emigrata: “L’associazione ha scelto Bologna Fiera dopo il diniego della soprintendenza di Napoli a concedere il lungomare Caracciolo”. Benvenuti in Emilia-Romagna.

A Bologna Fiera più spazio alle barche elettriche 

Bologna Fiere
A Bologna Fiere il Salone Nautico

Dedicheremo uno spazio all’esposizione delle barche elettriche  –ci confermano gli organizzatori _.Sicuramente presenteremo quella in costruzione del cantiere Apreamare”. Si svela quello che si può ma è chiaro che si punta anche ad espositori ad emissioni zero. Un ruolo importante lo giocherà Assonautica che sta seguendo alcuni progetti in tutta Italia che saranno “esposti” a Bologna.

La nautica si sta riprendendo

un'edizione degli anni scorsi
Un’edizione del salone a Napoli, il Nauticsud

Per la regione è una grande occasione di crescita. L’economia del mare sta ingrossando le sue onde come ha sottolineato Gennaro Amato, presidente del PNI (Polo Nautico Italiano) e ARNC (Associazione Nautica Regionale Campania). In particolare la nautica tra 5-18 metri, perché “è questa la stazza delle imbarcazioni che navigano nelle baie italiane. A Bologna abbiamo un anno per costruire un sogno e farlo diventare realtà, tanto da poter dire che il capoluogo emiliano sarà chiamata la Città Blu”.

A bordo Comune e Regione Emilia-Romagna

A bordo salta il governatore regionale Stefano Bonaccini: “Un’operazione straordinaria per l’Emilia Romagna. Senza dimenticare che abbiamo 5 porti regionali, 4 comunali e numerosi approdi privati per il diporto”. Naviga anche il sindaco Virginio Merola: “Portare la nautica a Bologna vuole dire anche sottolineare il naturale collegamento al nostro mare, al turismo”. Tra i partner anche CNA intervenuta con il vice presidente nazionale Giuseppe Oliviero.

Una regione pronta per la transizione all’elettrico

Il prototipo in acqua
Anvera Elab costruita tra Vignola e Misano Adriatico

In tanti si chiedono il senso di fare una fiera di barche in una città di pianura. Ebbene anche il Düsseldorf Boat Show è lontano dal mare e fa numeri impressionanti. L’Emilia-Romagna può giocare carte importanti. In particolare se si differenza da Genova – dove di elettrico se ne vede poco – e cerca di specializzarsi sulla navigazione sostenibile.

Tutte le esperienze elettriche in Emilia-Romagna 

La Motor Valley ha competenze tutte da spendere come dimostra una delle barche elettriche più veloci (guarda) ideata e costruita tra Vignola nel modenese e Misano Adriatico in Romagna. Ci sono produttori innovativi nel settore delle batterie (guarda), qui sta per aprire uno stabilimento di motori elettrici marini (guarda). C’è abbondanza di ingegneri e soprattutto l’offerta nautica a emissioni zero può qualificare il turismo in senso ecologico. Si hanno già esperienze tra mare (guarda) e lago (guarda) e con amplissimi margini di sviluppo.

LEGGI ANCHE: Eppur si e-naviga. Lo dice il Salone di Venezia. Le novità italiane

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome