Home Nautica A Bangkok 20 traghetti elettrici, a San Diego e Auckland l’e-rimorchiatore

A Bangkok 20 traghetti elettrici, a San Diego e Auckland l’e-rimorchiatore

2
CONDIVIDI
rimorchiatore elettrico
eWolf, il rimorchiatore elettrico eWolf

Bangkok 20 traghetti elettrici, rimorchiatore elettrico nei porti di  San Diego e Auckland. A parte l’Italia ( ricordiamo la scelta troppo ibrida di Venezia) in ogni angolo del mondo le barche si convertono all’elettrico.

A Bangkok anche la mobilità pubblica con sette barche già in servizio e altri 12 acquistate mentre nelle strade sono a batteria anche i mitici taxi tuk-tuk. Intanto a San Diego e a Auckland in Nuova Zelanda nei porti i rimorchiatori diventano elettrici con motori da 2100 kW.

Thailandia
Uno dei traghetti elettrici in servizio a Bangkok

Andiamo prima in Asia _ ne avevamo scritto a proposito di un progetto elettro fluviale di Energy Absolute (leggi qui) _, dove la Bangkok Metropolitan Authority (BMA) ha ufficialmente commissionato dodici nuovi traghetti per pendolari completamente elettrici a emissioni zero come parte del piano cittadino per ridurre il traffico e le emissioni.

I traghetti in ​​fibra di vetro da 14 metri (47,5 piedi) sono alimentati da un sistema di propulsione elettrico a batteria integrato di Torqeedo. Ma non siamo solo agli annunci, esiste già una flotta di sette barche elettriche (sempre con motore Torqeedo) in servizio dal dicembre 2020.

Due fuoribordo da 10 kW

traghetto elettrico
I traghetti elettrici sono spinti da 2 fuoribordo elettrici Torqeedo

Il cantiere locale MariArt Shipyard ha equipaggiato ciascuna delle navi con due motori fuoribordo elettrici Torqeedo Cruise da 10,0 kW, quattro batterie al litio Power 48-5000 e quattro caricabatterie rapidi, sostituendo i fuoribordo diesel originali. Un vero e proprio retrofit.

A bordo si ospitano 30 passeggeri e l’obiettivo della BMA è di estendere il suo servizio giornaliero di pendolari al centro città. Una parte della flotta opererà nei corsi d’acqua urbani che collegano il fiume Chao Praya alla provincia di Prachinburi attraverso un canale di 72 km che attraversa 21 distretti.

Con l’espansione della flotta di traghetti elettrici, Bangkok è sulla buona strada per raggiungere l’ambizioso obiettivo di diventare la capitale del trasporto elettrico dell’Asia“. Parole di Joe MacDonald, direttore delle vendite di Torqeedo Asia Pacific Ltd.

traghetti elettrici
La flotta finale sarà composta da 20 traghetti elettrici

I traghetti pendolari elettrici faranno parte di una rete di trasporto elettrificato interconnesso che include anche autobus elettrici, treni monorotaia e la conversione di centinaia di iconici taxi tuk-tuk a tre ruote di Bangkok”. L’obiettivo della città è convertire almeno il 30% del suo sistema di trasporto in elettrico entro il 2035, secondo MacDonald. Michael Rummel, amministratore delegato di Torqeedo: “Bangkok si unisce al numero crescente di importanti centri urbani in tutto il mondo che stanno sfruttando la tecnologia dell’elettromobilità per combattere il riscaldamento globale“.

Ad  Auckland e San Diego il rimorchiatore è elettrico

Il primo rimorchiatore elettrico è stato commissionato nel 2019 per il porto di Auckland in Nuova Zelanda (leggi qui), prima prova in acqua nel dicembre 2020. Consegna prevista verso la fine di quest’anno. Da un continente all’altro: un rimorchiatore elettrico si sta costruendo negli Stati Uniti per servire il porto di San Diego.

eWolf, batteria da 6,2 MWh e motore da 2100 kW

Ports of Auckland
Il rimorchiatore per la Nuova Zelanda

Il rimorchiatore prende il nome di eWolf, da 25 metri (82 piedi) e si annuncia una capacità di trazione da 70 tonnellate, poi argani elettrici di rendering/recupero a prua e a poppa.

Interessante la batteria principale da 6,2 MWh (o più), che alimenterà due motori elettrici Ramme da 2.100 kW per far raggiungere alla nave una velocità massima di 12 nodi. Come si legge anche nella specializzata americana mancano i dati sull’autonomia. Ma le aspettative? Riuscire ad assistere la nave nel porto prima di dover dirigersi verso la stazione di ricarica. Quella  a terra appositamente progettata e sviluppata con Cochran Marine.

—Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome