Home Bici Le 10 e-bike che non sembrano a motore

Le 10 e-bike che non sembrano a motore

0
CONDIVIDI

Non tutti amano il pacco motore. Uno de limiti estetici maggiori delle e-bike è proprio la presenza visiva de blocco formato da propulsore e batteria. Allora Vaielettrico vi consiglia dieci modelli di bici a pedalata assistita che non sembrano tali, cioè mezzi che nascondono bene l’assistenza elettrica.

  1. Moto Morini si presenta alla buona stagione con 4 nuovi modelli di e-bike dal design semplice e accattivante. Il primo che vi consigliamo è la versione Gravel, quella con manubrio da bici da corsa per intenderci. Il telaio è fatto a mano e integra il sistema Frame Block di Milano bike che consente di legare la bici rendendo più difficile il furto. Il kit elettrico è lo Zehus Bike+ con motore e batterie nel mozzo posteriore e sistema di frenata rigenerativa. Uguale per tutta la gamma. Sistema che consente di arrivare ad una autonomia di 100 km senza ricarica. La Gravel utilizza freni meccanici sui cerchi da 28’’ ed è la più leggera del lotto con 13 kg. Costo 2.600 euro
  2. Completamente diversa è la versione City, ma sempre molto elegante nello stile di Moto Morini. La City ha cerchi da 28” e allestimento cittadino con luci, parafanghi, portapacchi e borse in pelle realizzate appositamente per il modello. Freni a dischi idraulici, come i modelli con ruote più piccole e copertoni spessi. Un’applicazione per sistemi Android e iOs che consente di intervenire sull’elettronica di bordo per settare alcuni parametri del kit elettrico. Compreso il blocco del motore una volta parcheggiata, cosa che rende inutile rubare la bici. Tutti i modelli Morini sono acquistabili sul sito aziendale.

    Fuoriclasse belle e (quasi) possibili

  3. Dalla collaborazione tra Maserati e l’azienda di biciclette a pedalata assistita Diavelo nasce MC Corse. Le due società hanno disegnato e progettato una e-bike dropbar dal design moderno ed elegante. Il lavoro chiamato Maserati Mc Corse ha conseguito il premio If Design award 2018. Premio consegnato venerdì 9 marzo. La collezione completa è composta da due linee. La serie Maserati MC e la serie Maserati V8. Motorizzato dalla linea CX performance Bosch e dalla batteria Bosch Powertube 500. La collezione di e-bike Maserati sarà disponibile da maggio 2018 nei migliori negozi di biciclette. 
  4. Wi-bike di Piaggio ha recentemente presentato sette modelli nuovi nelle versioni Active e Comfort. Il telaio è in alluminio. Entrambi i freni sono a disco, da 180 mm l’anteriore e 160 mm il posteriore. Il motore brushless a magneti permanenti è integrato nel movimento centrale, e come da normativa ha 250 Watt di potenza e assiste fino a 25 km/h, seppure di suo potrebbe arrivare a 350 Watt. Costi tra i 2.900 e 3.500 euro.
  5. Leaos presenta per il 2018 la Pressed Bike, un nuovo modello di bicicletta elettrica con telaio in alluminio ultraleggero. Il design è di Harry Thaler. La Pressed Bike è equipaggiata con motore da 250W sulla ruota posteriore, piccolo display sul manubrio e batteria integrata rimovibile con autonomia di circa 90 km. Pesa circa 13 kg e prevede anche dei piccoli pannelli solari integrati nel telaio per caricare la batteria. Il costo si aggira sui 5.000 euro

    Prestazioni, design e prezzi bassi

  6. Per avere una e-bike dalle buone prestazioni e anche bella da vedere, rivolgersi alle startup attive nel settore direttamente tramite i rispettivi siti aziendali può essere una strategia vincente. È il caso di Story bikes, finanziatasi sulla piattaforma Kickstarter, che offre bici tra i 1.300 e i 1.500 euro da spedire direttamente a casa dell’acquirente. La linea somiglia a quelle scatto fisso, ma con un cuore da 350 W montato nel corpo del mezzo. 80 chilometri di autonomia, velocità massima di 25 km/h senza pedalare e tre ore circa di ricarica massima. La batteria è una classica 36 Volt, il cambio è della Shimano così come i freni a disco idraulici.
  7. Gocycle G3 unisce telaio pieghevole e pedalata assistita. Massima praticità e peso minimo: 16 kg. Una struttura in magnesio che la rende agevolmente trasportabile sui mezzi pubblici. Una bici che, grazie alla batteria al litio, assicura un’autonomia di 60 km a ogni ricarica. Il display integrato nel cruscotto fornisce informazioni sulla velocità, la selezione delle marce e lo stato di carica dell’accumulatore. La catena è a scomparsa, così da non sporcare i pantaloni, e il cambio è di tipo automatico elettronico. Azionabile con il semplice tocco di un pulsante. Prezzi da 4.068 euro.

    Un pizzico di italianità per finire

  8. La E-doardo di Bianchi fa parte della linea E-sport e offre la possibilità di pedalare con o senza l’assistenza elettrica. Il motore Fazua Evation infatti è integrato nel telaio, cosa che non tutta la gamma Bianchi offre. Il propulsore è un classico 250W con batteria da 36 V. Il sistema completo pesa 4 kg e garantisce autonomia per 55 km con una ricarica che dura circa 2,5 ore. I prezzo sono a partire da 3.600 euro
  9. Per la strada la Pinarello Nytro rimane una delle novità più interessanti dell’anno. Telaio e forcella della Nytro sono fatti in carbonio T700; il mezzo ha una potenza nominale di 250 W, massima di 400W, e pesa appena 13 kg in tutto. La bici è in grado di assistere la pedalata al massimo livello per 1400 metri di dislivello. Con tre modalità di potenza: breeze 125 watt, river 250 watt e rocket 400 watt. Costo a partire da 6.300 euro.
  10. Nel caso di Cytronex C1 non parliamo di e-bike, ma di un kit che nasconde il propulsore dentro una borraccia. Si tratta infatti di un kit che trasforma le normali bici da corsa in e-bike grazie al motore inserito nel mozzo anteriore e a una batteria ultraleggera. Peso totale è di 3,6 kg, la batteria può essere rimossa facilmente rimanendo un peso aggiuntivo del motore di soli 2,1 kg. Costa meno di 1.000 euro e permette di un’autonomia di 40 km con un tempo di ricarica di 2,5 ore.