Home Auto 2hire: nuovi fondi per crescere nella mobilità connessa

2hire: nuovi fondi per crescere nella mobilità connessa

0
CONDIVIDI
I quattro ragazzi fondatori di 2hire

2hire trova nuovi finanziatori. La start-up romana sviluppa una tecnologia in grado di connettere qualsiasi tipo di veicolo (automobili, motorini, bici e monopattini elettrici). E ha chiuso un round di investimento “Series A” per complessivi 5,6 milioni di euro.

2hire connette già oltre 10 mila veicoli

L’investimento è stato condotto dal gestore di Venture Capital P101 SGR. Attraverso il suo secondo veicolo Programma 102, P101 ha investito 3,9 milioni di euro. Con la partecipazione di Linkem – uno dei leader nazionali delle telecomunicazioni wireless a banda larga – e assieme ai soci precedenti Invitalia Ventures, LVenture Group e BoostHeroes. L’operazione rappresenta per P101 SGR e Linkem l’avvio di una partnership per sostenere progetti di sviluppo dei verticali 5G.

2hire
L’immagine è tratta dal sito ufficiale di 2hire

2hire è stata fondata a Roma nel 2015 da Filippo Agostino, Matteo Filippi, Andrea Verdelocco ed Elisabetta Mari. E accelerata da LUISS EnLabs, acceleratore d’impresa di LVenture Group nato da una joint venture con l’Università LUISS. Grazie alla piattaforma di 2hire è possibile monitorare, gestire ed aggiornare i servizi collegati ai parchi auto dei  produttori dell’automotive. Così come quelli dei nuovi operatori dello sharing. La piattaforma di 2hire connette già oggi oltre 10.000 veicoli in tutto il mondo e conta tra i clienti società di noleggio e sharing.

Gestire le auto col telefonino, senza chiavi

I vantaggi e le soluzioni offerti  permettono di portare l’intelligenza del veicolo in cloud, consentendo la personalizzazione dei servizi. Un esempio è la possibilità di utilizzare un veicolo – a noleggio, in sharing o di proprietà – senza l’utilizzo delle chiavi, utilizzando solo lo smartphone. Inoltre, la connessione dei veicoli consente di semplificare la gestione amministrativa, la manutenzione e la sicurezza per gli utilizzatori.

Agostino
Filippo Agostino

Nel 2017, 2hire ha ricevuto un primo finanziamento da parte di LVenture Group, Invitalia Ventures, BoostHeroes, MobilityUP e altri investitori per un totale di 680mila euro. Il settore di riferimento in cui si inserisce 2hire è quello del Mobility-as-a-Service.  Secondo le più recenti analisi (Accenture Mobility Report 2018) entro il 2030 questo business avrà un valore globale  di circa 3,4 trilioni di euro.

— Leggi anche: Vaimoo, sistema italiano di bike-sharing per Copenaghen